di Mara Donchi

INTEGRATORE DI AMIDO RESISTENTE STRONG, PROBIOTICO E FAI DA TE: FARINA O CHIPS DI PLATANO

INTEGRATORE  DI AMIDO RESISTENTE STRONG,  PROBIOTICO E FAI DA TE: FARINA O CHIPS DI PLATANO

Cominciamo a preoccuparci di dare nutrimento a ciò che già è’ nel nostro intestino e che incessantemente lavora per e con noi.

Riprendiamo il discorso dell’amido resistente, approfondito accuratamente in questo articolo che vi invito a leggere per l’importanza dell’argomento 👇🏻

TUTTO QUELLO CHE C’E DA SAPERE SULL’AMIDO RESISTENTE (RESISTANT STARCH, RS)

 

Seguire una dieta ricca di fibre e’ importantissimo, come importantissimo e’ assumere quotidianamente un quantitativo discreto di amido esistente, fibra dall’alto potenziale prebiotico che passa attraverso  il primo tratto dell’ intestino indigerita fino ad arrivare nel colon  e diventare nutrimento dei batteri buoni che, fermentandolo, producono  sostanze per noi indispensabili come l’acido butirrico. Attenzione,  quindi, a non fissarvi per lunghi periodi su diete low-carb.

In diverse situazioni si può’ rendere necessaria una integrazione mirata dell’amido resistente  e si può’ ricorrere a integratori come l’amido di patate crudo (il processo di raffinazione lo rende un alimento tollerato dall’uomo, mentre la patata normalmente non puo’ essere mangiata cruda).

Nello stesso articolo, vi ho anche parlato abbondantemente dell’effetto benefico che ha l’associazione di probiotico e amido resistente.

 

Io punto sempre al massimo, così, vi propongo il massimo in termini  di salute e risparmio.

Vi svelo come preparare amido resistente abbinato al probiotico in casa, in un unico alimento senza ricorrere a farine super raffinate di dubbia provenienza e con un potenziale energetico pari a zero, in quanto alimento che si allontana anni luce dal corrispondente cibo offerto da Madre Natura (nel caso dell’amido di patata, la patata).

Cominciamo dal platano, prodotto acquistabile nei negozi etnici. In seguito vi descriverò’ altre interessanti ricette come quella delle chips di batata ricche di lattobacilli👇🏻

INTEGRATORI PROBIOTICI DI AMIDO RESISTENTE: CHIPS DI PATATA DOLCE

 

 

 

PROPRIETA’ PRINCIPALI DEL PLATANO

Tutti i frutti che chiamiamo banane appartengono alle piante del genere Musa, palme originarie della zona geografica che va dal Sud-est asiatico al Pacifico, tra i quali rientra anche il platano. Quest’ultimo e, solo all’apparenza, molto simile alla banana, ma  piu’ ricco in fibre e nutrienti, con una buccia  fibrosa e una polpa soda e compatta.

Il platano ha un’alta concentrazione di vitamine (C e quelle del gruppo B, soprattutto la B6) e oligoelementi tra cui i potassio, il magnesio e il ferro. La presenza di amidi e’ altissima ( circa 34 grammi su 100 grammi).

In generale, bisogna sempre far distinzione tra valori nutrizionali di un vegetale crudo o cotto.

Normalmente il platano quando e’ verde, cioè non maturo, viene cotto per diversi minuti prima di essere utilizzato in svariati modi in cucina ( vi descriverò diverse ricette che prevedono l’utilizzo del platano). Una volta raggiunta la maturità, la buccia diventa gialla, il livello di zuccheri aumenta e la polpa puo’essere utilizzata in cucina, soprattutto all’interno di impasti dolci, anche senza essere cotta.

A noi interessa il platano verde per ottenere l’amido resistente e vi  insegnerò’a consumarlo anche senza cuocerlo, beneficiando di tutte le sue caratteristiche nutrizionali.

 

 

 

FARINA DI PLATANO LATTOFERMENTATA

 

 

Il platano essiccato e’ uno degli alimenti  che contiene la piu’ alta percentuale di amido resistente ( 50 grammi su 100 grammi di prodotto).

Per essiccare il platano, senza fermentarlo, e’ veramente semplice.

 

E’ sufficiente tagliarlo a fette e metterlo nell’essiccatore a 50 gradi e attendere fino completa essiccazione ( il tempo dipende dallo spessore delle fette).

 

Dopo averlo accuratamente essiccato, attraverso l’utilizzo del Bimby o altro robot da cucina, ridurre le fette in farina o gustare come chips.

Questo e’ il procedimento base che ognuno di voi potra’ fare a casa.

 

Chips di platano

Io, considerando il fatto che e’ consigliabile abbinare il probiotico all’amido resistente, non mi sono fermata alla farina di platano, ma ho lattofermentato il platano e l’ho essiccato seguendo il procedimento descritto sopra.

 

PROCEDIMENTO PER FARINA DI PLATANO CON AMIDO RESISTENTE E PROBIOTICA

 

 

Regolate le quantita’ secondo le vostre  esigenze.

Io utilizzo una percentuale bassissima di sale, inserendo una percentuale di Starter 5 che attiva la lattofermentazione immediatamente, dando al liquido una percentuale di lattobacilli (da analisi di laboratorio). Se non utilizzate lo Starter 5, modificate la ricetta utilizzando in totale 210 ml circa di salamoia al 2-3% di sale ( 5 grammi di sale integrale per questa ricetta).

Cos’e’ lo starter 5 lo puoi leggere qui 👇🏻

METODO LIEVITANDO STARTER 5 con VERDURA e FRUTTA fermentata in tibicos🍞🍎🥕

Ingredienti per un vasetto da 300 ml

  • 1 platano medio (140 grammi)
  • 180 ml circa di acqua priva di cloro
  • 30 ml di starter 5 ( circa il 20 %)
  • 1 foglia di alloro ( facoltativa)

 

– Sbucciare il platano, dopo averlo messo in ammollo con argilla ventilata ( 1 cucchiaio per litro di acqua)  e aceto per 30 minuti.

– Tagliare il platano a pezzi e inserirlo nel vasetto scelto e sterilizzato.

– Mescolare il sale al liquido, se previsto, e ricoprire il platano con il liquido. Inserire un pressello in plastica, per tenere il platano sotto al liquido.

– Chiudere il vasetto, girando il tappo non completamente.

– Mettere un piattino sotto al vasetto per raccogliere il liquido, se dovesse uscire, nei primi giorni di fermentazione.

– Mettere il vasetto in fermentazione, preferibilmente al buio e, sempre, lontano da fonti di calore.

– Aprire, girando poco il tappo, per sfiatare durante i giorni di fermentazione vivace ( di solito i primi 4/5) .

– Successivamente chiudere con cura senza aprire, fino al momento dell’utilizzo.

– Lasciare a fermentare dalle 2 alle 4 settimane.

– Trascorso il tempo indicato, separare il liquido dal platano e tagliarlo a fette sottili.

 

 

– Distribuire le fette sui ripiani dell’esiccatore e impostare la temperatura di 45 gradi ( RAW).

– Fare andare fino a completa essiccazione ( circa 24 ore).

– Ridurre le chips in farina con l’aiuto del Bimby o altro robot da cucina.

 

– Riporre la farina  in vasetto sterilizzato. Conservare in luogo non umido e lontano da fonti di calore.

 

NOTE

 

Chips di platano 

E’ possibile gustare il platano a fette come delle chips oppure, per comodità’, utilizzando il Bimby o altro robot da cucina, ridurlo in farina. Se si preferisse la farine alle chips di platano, trascorsa la fermentazione, il vegetale  può essere frullato  e messo sul ripiano dell’essiccatore,  ridotto in poltiglia come mostra la foto.

 

Metodo per ottenere la farina senza tagliare il platano a fette 

 

Consumare la farina o  le chips entro i 6 mesi, per ottenere i massimi benefici ( calcolate la quantita’ che vi serve, prima di prepararla).

 

Facciamo due conti. Per preparare 200 grammi di farina di platano o chips, vi serviranno 3 platani grandi ( circa 500 grammi privato di buccia). Il platano io lo pago 1,50 al chilo. 200 grammi di integratore di amido resistente vi costerà’ 0,75 centesimi !!!!!!! Con 200 grammi, come leggerete di seguito, potrete coprire un periodo che va dai 20 ai 10 giorni.

 

ASSUNZIONE

Assumere la farina secondo proprie esigenze ( da 1 a 3 cucchiai).

Iniziare sempre da mezzo o 1 cucchiaio in un bicchiere d’acqua o frullato o altro liquido.

Se l’integratore è’ anche probiotico, dimezzare il dosaggio.

Se utilizzate le chips di platano, calcolate che una chips pesa circa 1 grammo. Per raggiungere 10 grammi di amido resistente ne dovrete mangiare 20 al giorno.

 

chips di batata lattofermentate 

Scoprite le altre ricette per ottenere facilmente a casa l’amido resistente….. PROBIOTICO!

 

TUTTE LE MALATTIE HANNO ORIGINE  NELL’INTESTINO( IPPOCRATE).

L’ALIMENTAZIONE MODIFICA IL  TUO MICROBIOTA INTESTINALE.

L’ ALIMENTAZIONE E’LA CAUSA PRIMARIA DI TUTTE LE MALATTIE.

 

È’ la Natura che te lo chiede:

Mangia Prega Vivi!

 

 

Attendo le vostre condivisioni nel gruppo Facebook

Fermenti di Vita, Cibo Vitale ME

https://www.facebook.com/groups/931137870365561/?ref=share

TUTTI I PROCEDIMENTI DESCRITTI NEL SITO SONO DI PROPRIETA’ ESCLUSIVA DI FERMENTI DI VITA ED E’ VIETAO LA RIPRODUZIONE/CONDIVISIONE SENZA INSERIRE IL LINK ORIGINARIO E LA FONTE.

 

 

 

Condividi!

Related Posts

SEMPLICEMENTE VERDURE LATTOFERMENTATE, secondo ME ♥︎🥦🍋🥒

SEMPLICEMENTE VERDURE LATTOFERMENTATE, secondo ME ♥︎🥦🍋🥒

  Tempo di preparazione: 1 ora e da 5 a  15  giorni per la fermentazione in vasetto. Difficolta’: bassa. Note sugli ingredienti Scegliere verdure di stagione. Si possono sottoporre a questo procedimento: cavoli, ravanelli, rape, zucchine, carote, daikon, cipolle, peperoni, cetrioli(queste le più comuni). Le […]

Condividi!
I Gemelli diversi: Maionese con kombucha vegana e classica

I Gemelli diversi: Maionese con kombucha vegana e classica

    La maionese di kombucha e’ una sana alternativa a quella acquistata al supermercato. Non solo e’ priva di conservanti, additivi, coloranti e grassi idrogenati ma e’ un ricco pro-prebiotico. Puo’essere abbinata a secondi piatti di pesce e carne o semplicemente può fare da […]

Condividi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top