di Mara Donchi

KOMBUCHA A CICLO CONTINUO

KOMBUCHA A CICLO CONTINUO

Oggi vi presento un nuovo metodo per produrre kombucha e ottenere il massimo in termini di nutrienti, in particolare modo di acido gluconico, che ha un alto potere detosifficante: la produzione a ciclo continuo.

Ringrazio l’amico Flavio Milton per il lavoro di ricerca e diffusione.

Cosa significa a ciclo continuo?

Significa che mai andiamo a filtrare, come facciamo ora, tutto il liquido togliendo la madre dal vaso, ma andiamo a filtrarne  e a rabboccare solo una parte.

Questo metodo ci da  diversi vantaggi: avere una maggiore biodiversità all’interno della bevanda, avere sempre a disposizione kombucha  da bere, evitare o diminuire la possibile formazione di muffe, non avere tante bottiglie  insieme in seconda fermentazione.

Vediamo nel dettaglio cosa ci serve e come si procede.

Consiglio a chi dovesse ancora cominciare, di salvare l’articolo per quando avrà preso confidenza con la sua madre e utilizzare il metodo classico.

 

 

IL CONTENITORE

Procuratevi  un contenitore di almeno cinque, sette litri. È possibile che sia di vetro, porcellana o anche acciaio inossidabile dotato di  un rubinetto nella parte bassa ( attenzione che non abbia parti metalliche al suo interno).

Il contenitore sarà buona abitudine lavarlo almeno una volta al mese con acqua calda e aceto.

 

METODO

📌Per ogni litro di tè avrete bisogno di acqua (senza cloro) portata tra i 70 e gli 80 gradi e mantenuta a questa temperatura per 15 minuti una volta che avrete aggiunto le vostre foglioline.
📌Filtrate il tè con un colino sottile e quindi mescolate da 70 a 100 grammi di zucchero per litro fino a quando sarà completamente sciolto.
📌Lasciate raffreddare completamente il tè.
📌Aggiungete lo starter e lo SCOBY.
📌Coprite con panno stretto e legare con un robusto elastico.
📌Lasciate fermentare a temperatura ambiente per circa 10 giorni. La Kombucha sviluppa il meglio di sè ad una temperatura compresa tra 24 e 29 gradi.
📌Prelevate  il 25% per prodotto ottenuto e sostituirlo con la stessa quantità di tè dolce.
📌Coprite con panno stretto e legate con un robusto elastico. Lasciate fermentare.

A questo punto avrete avviato la produzione continua che andrà prelevata e rinnovata ogni 3-4 giorni sempre nella misura del 25%

Lasciate  in seconda fermentazione la Kombucha ottenuta per altri 2, 5 giorni in bottiglie chiuse con tappo ermetico a temperatura ambiente, se volete che si sviluppi un pò di frizzantezza.

Ringrazio per le foto gli amici Green Lisa e Giovanni.

 

Buona salute!

❤️

 

Condividi!

Related Posts

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

    Cereali, semi, legumi e frutta secca contengono naturalmente”antinutrienti” ovvero sostanze che ostacolano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti per quasto  nocivi al nostro organismo se assunti in grandi quantità. Gli antinutrienti naturalmente presenti in diversi cibi vegetali sono: L’acido fitico Le lectine Le […]

Condividi!
JUN

JUN

Ringrazio per la raccolta accurata di materiale informativo l’amico  Flavio Milton d’Ambrosio. Parliamo oggi di Jun, una bevanda probiotica molto benefica perché oltre alle proprietà del te’sfrutta quelle notevoli del miele.   Il JUN sta diventando sempre più popolare nel mondo delle bevande fermentate. Questa […]

Condividi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top