di Mara Donchi

LIEVITANDO FDV n. 3: combinato tibicos o kombucha con lievito di birra

 

 

 

 

Come avere il massimo di alveolatura e morbidezza scegliendo farine di qualità e lievitazione naturale?

Con il procedimento LIEVITANDO AIF N. 3 COMBINATO che prevede l’utilizzo combinato di lievito di birra fresco un cubetto e il liquido di tibicos o kombucha.

Questo metodo garantirà un risultato di successo in quanto avverrà comunque la predigestione da parte dei microrganismi di proteine e amidi e nello stesso tempo riusciamo a sfruttare i vantaggi del lievito di birra che usato in piccole quantità e utilizzando lunghe lievitazioni, da stabilita’ al processo di lievitazione e conferisce morbidezza al pane.

Di seguito vi riporto il procedimento esatto per fare un pane senza impasto, quindi facilissimo anche per chi non ha mai panificato.

Risultato finale: un pane digeribile, bello da guardare e da mangiare per non rinunciare ai buoni sapori e rendere un alimento base della nostra dieta un alimento benefico a cui non dover rinunciare.

Ricordo l’importanza di scegliere farine di ottima qualità vive, prive di additivi, conservanti, glifosati e biologiche.

Io ho scelto farine seeed.

 

PANE NO KNEAD CON LDB E KOMBUCHA

 

Preparazione

 

Ingredienti per il preimpasto

100 grammi farina 2 seeed

120 ml kombucha

Preparare un  preimpasto semiliquido la sera mescolando questi ingredienti in un barattolo alto e stretto. Mettere in forno con luce accesa per mantenere la temperatura a 28, 30 gradi.

 

 

 

Ingredienti per l’impasto

350 grammi farina 2

30 grammi crusca d’avena

50 ml kombucha o tibicos ( kefir di acqua)

150 ml acqua ( dipende dalla farina utilizzata e dal suo potere assorbente)

2 grammi lievito di birra fresco e 30 ml di acqua per attivarlo

4,5 grammi sale (facoltativo )

 

 

. La mattina il preimpasto sarà raddoppiato. Quindi procedere con un rigenero aggiungendo 50 grammi di farina 2 (Se e’ ben lievitato potete non fare il rigenero, questo dipenderà dalla forza della vostra farina).

 

. Dopo circa 4 ore procedere aggiungendo il resto degli ingredienti in una ciotola capiente. Attivare in un bicchiere a parte il lievito di birra con poca acqua tiepida ( ci vorranno circa 10 minuti). Mescolare il tutto con un cucchiaio e fare solo alcuni minuti di lavorazione con le mani.

Se volete un risultato migliore impastate per una decina di minuti  a mano o con planetaria eseguendo una serie di pieghe (azione che rafforza la maglia glutinica)

 

 

. Dare una forma all’impasto e metterlo in una pirofila  da plumcake ricoperta con carta forno e spolverata di farina  (farla aderire bene alle pareti della pirofila) senza eccessive manipolazioni.

. Spolverare con poca farina e chiudere con asciugamano inumidito.

 

 

. Far lievitare in forno con luce accesa fino a raddoppio.

.Inserire una pirofila con acqua bollente nel piano basso del forno.

Cuocere in forno preriscaldato, a temperatura moderata per mantenere vivo il cuore del pane ( non superare i 200 gradi).

I tempi di cottura dipendono esclusivamente dalla potenza del vostro forno. Calvolate dai 40 ai 50 minuti passando dai 200 gradi dei primi 10 minuti a 180 e infine 150 degli ultimi minuti.

Se necessario asciugare l’umidità del pane, far andare con funzione ventilato per gli ultimi 5 minuti.

Una volta estratto dal forno e’ buona abitudine  lasciar raffreddare il pane e non tagliarlo fino al giorno successivo per lasciare il tempo ai nostri microrganismi di ripopolare il pane.

 

 

Ottimo per la colazione e la merenda, spalmato con marmellata ( se non riuscite a farla in casa trovate alcune confetture al 70 % senza aggiunta di zuccheri, vedi foto di marmellata che mi e’ stata donata dall’amico Lucio Riccamboni), favella (crema di fave al cioccolato)  e burro ghee seeed.

 

Cercate nel sito le altre ricette con tag “lievitando”.

 

Buona salute!

 

❤️

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Condividi!

Top