di Mara Donchi

SEQUENZA RAPIDA PER PREPARAZIONE DI NAMBUKA

SEQUENZA RAPIDA PER PREPARAZIONE DI NAMBUKA

Per aiutare tutti coloro che per la prima volta si accingono a fare un Nambuka e per rispondere alle molte persone che mi scrivono con dubbi legittimi, vi elenco  la sequenza veloce e riassuntiva del procedimento per la preparazione.

Per approfondimenti leggere con cura l’articolo specifico, questa sequenza e’ riassuntiva e  non sara’ sufficiente per avere un quadro completo della fermentazione, ma servira’ a voi per rompere il ghiaccio. Sara’ indispensabile come secondo passo, per ottenere il massimo da NAMBUKA, leggere i dettagli.

In fondo all’articolo trovate i video che vi illustreranno passo passo come preparare il vostro fermento.

 

SEQUENZA RIASSUNTIVA PER FARE NAMBUKA

 

 

 

1.Preparare la kombucha come da normale procedura, lasciandola a maturare dalle 3 settimane ai 6 mesi ( con rabbocco a 3 mesi). Utilizzare infuso o te’ secondo il proprio obiettivo terapeutico. Scegliere il dolcificante ( io personalmente in questa fase scelgo zucchero bianco per facilitare il lavoro della madre considerando che, per la lunga fermentazione, ne rimane pochissimo in soluzione).

 

 

2. Filtrare la kombucha e procedere con la preparazione del NAMBUKA. Scegliere il vaso o bidone, il tipo di vegetale da fermentare e il dolcificante da utilizzare in base ai propri obiettivi terapeutici.

 

3. Consultare la tabella del metodo semplificato e procedere prendendo un recipiente abbastanza capiente dove andare a mescolare con cura il dolcificante alla kombucha ( rapporto dolcificante e liquido 1/5, 200 grammi per litro se zucchero o 200 ml se miele ).

Link per scaricare la tabella per la preparazione del NAMBUKA 

https://drive.google.com/file/d/1cKMvy2mU3–nZ4pdQxCAa5tuYefB1sfC/view?usp=sharing

 

 

4. Aggiungere il vegetale fresco o essiccato all’interno del vaso secondo tabella del metodo semplificato, considerandone il volume.

 

 

5. Inserire il liquido, a cui si e’ mescolato in precedenza il dolcificante, andando a riempire il vaso fino a 5 cm dal bordo esterno ( se il vaso ha la base uguale alla bocca, diversamente calcolare un decimo del volume totale).

 

6. Chiudere con coperchio girando fino a meta il tappo o chiudendo a pressione senza sigillare. Chiudere con tovagliolo molto ampio fissato da un elastico.

 

7. Scrivere un etichetta o tenerne un diario dove annotare tutte le materie prime utilizzate e la data di realizzazione. Il diario i rende necessario se vi venisse voglia di controllare il ph della vostra soluzione.

 

7. Mettere a fermentare lontano da luce diretta del sole e in luogo arieggiato.

 

8. Seguire la procedura per curare il vostro NAMBUKA, descritta nell’articolo dedicato alla preparazione dettagliata.

 

 

DUE SONO I FATTORI CHE DETERMINERANNO LA BUONA RIUSCITA E IL POTENZIALE TERAPEUTICO DEL NOSTRO FERMENTO: QUALITÀ DELLE MATERIE PRIME E NORME IGIENICHE.

Abbiate la voglia di scoprire cosa la natura ha da offrirci. Questa fermentazione ci facilitera’ la vita in termini pratici e in termini di benefici fisici e non solo.

 

VIDEO TUTORIAL: DA KOMBUCHA A NAMBUKA 

Parte prima: preparazione  della kombucha

 

 

Parte seconda: preparazione dell’aceto di kombucha

 

 

Parte terza: preparazione del NAMBUKA

Lunga vita a NAMBUKA!

 

 

Condividi!

Top