di Mara Donchi

PREPARAZIONE PER NAMBUKA DI GUSCI D’UOVO O DI FUNGHI 🍄

1. NAMBUKA CON OSSA O GUSCI D’ UOVO

 

 

Ebbene si, possiamo fare un NAMBUKA seguendo la procedura e sostituendo al vegetale ossa pulite molto accuratamente o gusci d’uovo ( sciacquare con detergente enzimatico o aceto o Fv). In entrambe i casi, sia i gusci che le ossa, vanno cotti al forno a 150 gradi per dieci minuti o bolliti prima dell’utilizzo.

Per la preparazione utilizziamo 300 grammi di zucchero ( o ml) ogni litro di kombucha molto maturo ( minimo 2 mesi). Per ogni litro di kombucha aggiungere 10 gusci d’uovo massimo (superare questo numero fare’ si che il vostro nambuka assuma un odore poco gradevole).

Potete  aggiungere i vostri gusci d’uovo tutti insieme o un poco alla volta entro le 3 settimane, riempiendo  il vaso per tre quarti e aggiungendo i gusci man mano.

Lasciare in fermentazione per minimo 5 mesi (consiglio sempre un prelievo parziale).

Questi nambuka saranno fonte di minerali e potranno essere utilizzati a gocce anche per i vostri amici a 4 zampe ( 3 gocce ogni 4 chili dell’animale, cura periodica).

Ringrazio per il contributo le amiche Sonia Pisano e Alessandra Rossi.

 

2. NAMBUKA DI FUNGHI 

I funghi hanno notevoli proprietà. Nello specifico parlo nel dettaglio di fungo Chaga e ganoderma o Reishi  in questi due articoli .

Per quanto riguarda il fungo Chaga, il fungo della salute vi rimando a quest’articolo
http://www.fermentidivita.com/2018/06/14/i-10-naturali-portenti-della-natura-chaga-il-fungo-della-salute/

 

Per quanto riguarda il Reishi leggete qui.

http://www.fermentidivita.com/2018/04/27/nbk-nambuka-fermento-con-base-kombucha-di-fungo-reishi-o-ganoderma/

Ricordo a tutti che i funghi hanno un grado di tossicità variabile e oltre a conoscerli, bisogna sempre prestare attenzione nel dosare l’assunzione del fermentato maturo.

Vediamo la  tecnica di preparazione del NAMBUKA di funghi,

 

 

PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE DI NBK DI  FUNGHI ESSICCATI INTERI O ESSICCATI E RIDOTTI IN POLVERE

 

Per questa preparazione usare kombucha o jun molto maturo di almeno 1 mese ( meglio sarebbe un kombucha di 2/3 mesi) con base fitoterapica di qualità e specifica per le vostre problematiche.

 

✅Lavare accuratamente il fungo facendo un ammollo di 30 minuti in acqua e kombucha o jun.

✅Prendere il vaso scelto per la preparazione e riempirlo per un terzo con il fungo.

✅Calcolare il liquido necessario facendo riferimento alla tabella e al valore corrispondente più basso (esempio: per vaso da 2 litri preparo 1.3 di kombucha)

✅ Calcolare il dolcificante: 300 grammi di zucchero di qualità ( Panela, DULCITA, Mascobado) o 300 ml di miele non pastorizzato.

✅Mescolare con cura in un contenitore a parte dolcificante e kombucha e inserire nel vaso dove avete inserito il fungo.

✅Riempire fino a lasciare libero un decimo del volume totale del vaso ( 5 cm dal bordo esterno ). Può essere che il liquido sia leggermente troppo ( dipende da forma e tipo di vaso), mettere da parte e aggiungere nei giorni seguenti ( i funghi assorbiranno liquido e il livello si abbassera’, rendendosi necessaria un aggiunta di soluzione).

✅Chiudere con coperchio appoggiandolo o girandolo per metà ( nel caso di tappo a vite). Fissare un tovagliolo con elastico per evitare l’ingresso di moscerini o altre particelle che non sono visibili a occhio nudo.

✅Controllare e abbassare un paio di volte la prima settimana tenendo bagnati i funghi, per evitare la formazione di muffe.

✅Abbassare una volta alla settimana il primo mese. Se i funghi scendessero sotto il livello del liquido prima dei 30 giorni passare ad aprire per controllo ogni 30 giorni poi ogni 60 giorni. Dopo il primo mese chiudere bene il tappo facendo pressione o girandolo completamente.

✅Laciar fermentare lontano dalla luce diretta del sole per almeno 6 mesi.

✅Passare al filtraggio parziale o totale. Conservare il liquido in bottiglie in vetro resistenti opache con tappo meccanico. Sfiatare una tantum se vi rendete conto che la fermentazione  crea ancora gas in eccesso.

✅I funghi fermentati potete essiccarli e successivamente ridurli in farina così da ottenere un valido integratore naturale facilmente conservabile.

SE COMPRATE IL FUNGO ESSICCATO E RIDOTTO IN POLVERE SEGUIRE LA MEDESIMA PROCEDURA  ( non lavare sotto acqua corrente) FACENDO ATTENZIONE CHE LA POLVERE ASSORBE MOLTO LIQUIDO E PROBABILMENTE  SARÀ NECESSRIO AGGIUNGERE KOMBUCHA DURANTE I PRIMI GIORNI DI FERMENTAZIONE.

 

ASSUNZIONE CONSIGLIATA PER PERSONE IN SALUTE DI NBK DI FUNGHI 

Tutti i funghi hanno grado di tossicità, quindi bisogna prestare attenzione all’assunzione che deve esssre ridotta al minimo e abbinata ad altri fermenti. Ricordo che la fermentazione amplifica le proprietà del vegetale rendendole maggiormente assimilabili.

Fare cure periodiche limitate nel tempo.

Per donne in salute non superare le 10 gocce al giorno, per uomini in salute le 20 gocce al giorno.

Questi sono consigli, ognuno si renda responsabile delle proprie scelte e se presenta disturbi particolari faccia riferimento a una figura medica e specializzata in campo alimentare.

Chiedere un consulto medico sempre, quelora assumiate farmaci anticoaugulanti, antipiastrinici, insulina ed ipotensivi.

 

NOTE

Come per tutti i vegetali si rende necessario trovare la materia prima di qualità per avere un fermento di qualità e in nessun modo tossico. Ricordo che la fermentazione non e’ la bacchetta magica che tutto trasforma.

Si rende quindi necessario trovare siti accreditati dove reperire il fungo. La polvere biologica di Reishi e Chaga  le trovate anche su Macrolibrarsi o Sorgentenatura. I link per il fungo Chaga li trovate nell’articolo dedicato.

https://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__reishi-in-polvere-biologica.php

Anche questo sito e’ molto interessante, serio e accreditato ( diffidate da chi vende materia prima a basso costo): 49 euro 250 grammi di polvere biologica ( inclusa spedizione) sufficiente per vaso da 4/5 litri.

http://www.nonsologanoderma.it/ordine-online.html

Nello stesso sito trovate altri funghi coltivati senza pesticidi, molto interessanti per le loro proprietà terapeutiche come il Maitake’

http://www.nonsologanoderma.it/maitake.html

e Shitake’

http://www.nonsologanoderma.it/shiitake.html

 

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Condividi!

Top