di Mara Donchi

CLASSIC KOMBUCHA: TE’ VERDE E MALATTIE AUTOIMMUNI

CLASSIC KOMBUCHA: TE’ VERDE E MALATTIE AUTOIMMUNI

 

In due articoli vi ho parlato di HERBAL KOMBUCHA, il probiotico kombucha preparato a partire da infuso o decotto di erbe.

Grazie a Herbal Kombucha possiamo sfruttare il potenziale delle nostre erbe di territorio spontanee e utilizzare quelle che più’ rispondono alle nostre esigenze di salute.

Per tradizione la Kombucha e’ preparata con il te’ nero o verde. Diversi sono i motivi per cui e’ preferibile scegliere altri vegetali ( territorialità’, caffeina, influenza con assimilazione nutrienti, diffuso utilizzo di pesticidi oltre il livello consentito.. ).

Con questo articolo approfondiamo il discorso per riuscire a scegliere con maggiore consapevolezza cosa faccia al caso vostro, prendendo in considerazione lo stato di salute individuale. ( Nessuna cura e’ valida a prescindere dalla persona).

Ringrazio l’amica Angela Mereu che mi ha dato la possibilità di condividere con voi le preziose informazioni. Di seguito vi riporto il link diretto al sito e la traduzione letterale del testo.

https://www.precisionnutrition.com/rr-green-tea-hazards

 

TRADUZIONE

Rischi per la salute: il tè verde potrebbe essere davvero dannoso per te?
Di Bryan Walsh

Il tè verde ha ricevuto molta attenzione da parte dei media negli ultimi anni. Ma è davvero adatto a tutti ?

Non proprio.

C’è un gruppo di persone per le quali il tè verde può essere pericoloso. Data la popolarità del tè verde in questi giorni, è fondamentale condividere queste informazioni con chiunque sia interessato alla salute.

Il tè verde ha una ricca ricerca dietro di esso che dimostra una serie di benefici tra cui proprietà anti-infiammatorie, anti-cancerogene e antiossidanti.

Molti dei benefici del tè verde sono dovuti ai suoi effetti sul sistema immunitario. E’ proprio a carico di quest’ultimo che può anchecausare problemi.

Prima di dirti come il tè verde influisce sul sistema immunitario, diamo una rapida occhiata a una versione semplificata di come funziona.

Dovresti bandire questa sostanza dall’aspetto innocuo dalla tua dispensa?

Un primer sul sistema immunitario.
Il sistema immunitario è composto da globuli bianchi, che vengono poi differenziati in cinque diversi tipi di cellule immunitarie. Uno di questi è un gruppo di cellule chiamate linfociti.

I linfociti vengono poi suddivisi ulteriormente nelle cellule B e  cellule T, che sono a loro volta suddivise in  T helper, T regolatrici,  T citotossiche e  T soppressore.

Il sistema immunitario può essere fonte di confusione, quindi piuttosto che descrivere queste cellule nel dettaglio, userò un esempio di vita reale per spiegare come funziona.

Supponiamo che ti sei tagliato con un coltello sporco. I batteri penetrano nella pelle, ingaggiando una prima linea di difesa dal nostro sistema immunitario chiamato macrofago.

I macrofagi sono come guardie di sicurezza grasse ed inefficaci, ma contribuiscono a rallentare un invasore chiamando guardie di sicurezza più sofisticate.

Di fronte a un invasore, i macrofagi chiamano i loro amici, le cellule T helper. Le cellule T helper comunicano  all’intero sistema immunitario attraverso una serie di segnali chimici che c’è stato un invasore che ha attraversato la barriera.

Nello specifico, le cellule T helper chiamano  cellule T citotossiche e cellule natural killer che aiutano ad attaccare e uccidere gli invasori batterici.

Una volta che i batteri sono stati uccisi, è tempo che il sistema immunitario annulli l’attacco, che è il compito delle cellule T soppressore, che “sopprimono” il combattimento.

Nel caso in cui i batteri siano troppo potenti per le cellule T, o se le cellule T hanno difficoltà a trovare l’invasore, come nel caso di un virus, le cellule B sono chiamate a unirsi al combattimento. Le cellule B producono anticorpi per un dato invasore in base alle istruzioni delle cellule T helper.

In altre parole, se le cellule T helper dicono al sistema immunitario che l’invasore è un ragazzo con un maglione arancione, le cellule B creeranno anticorpi per un ragazzo con un maglione arancione, così che quando lo incontreranno, potranno attaccarsi a lui, rendendo più facile per le cellule T citotossiche e le cellule natural killer di trovare l’invasore.

Ma ecco cosa devi veramente sapere:

La risposta iniziale delle cellule T è chiamata “risposta Th1”.
La risposta anticorpale delle cellule B secondarie è chiamata “risposta Th2”.
In un corpo sano, c’è equilibrio tra le parti Th1 (cellule T) e Th2 (cellule  del nostro sistema immunitario). Questo è lo stato desiderabile.

Tuttavia, a volte uno squilibrio del sistema Th1 / Th2 può essere utile. Ad esempio, durante la gravidanza le donne hanno la tendenza a spostarsi verso una dominanza Th2, il che è vantaggioso poiché uno spostamento Th1 indurrebbe il rifiuto del feto.

Arriviamo al cuore della spiegazione.

La malattia autoimmune prevede un sistema immunitario squilibrato.
Praticamente tutte le malattie autoimmuni – condizioni in cui il sistema immunitario inizia ad attaccare il tessuto  – hanno una dominanza Th1 o Th2.

In altre parole, le condizioni autoimmuni hanno generalmente una sovraregolazione delle cellule T e soppressione delle cellule B (dominante Th1) o l’opposto (Th2 dominante).

È fondamentale che le persone con disturbi autoimmuni mantengano l’equilibrio Th1 / Th2.

Quando il sistema immunitario è disregolato e inizia ad attaccare i tessuti corporei, più è fuori equilibrio il sistema immunitario, più voracemente attaccherà quei tessuti.

Ad esempio, in qualcuno con artrite reumatoide, una condizione autoimmune in cui il sistema immunitario attacca la cartilagine, più il bilancio del sistema Th1 / Th2 è fuori equilibrio, maggiore sarà la distruzione.

Secondo la ricerca, un certo numero di composti naturali hanno la tendenza a spingere entrambi i lati del bilancio Th1 / Th2.

Il tè verde è una di queste sostanze. I componenti attivi del tè verde hanno la tendenza a spingere il sistema Th2 ad essere più dominante inibendo il lato Th1 del sistema immunitario.

Quindi qualcuno con una condizione autoimmune dominante Th2  sarebbe saggio stare lontano da tè verde o prodotti contenenti tè verde concentrato (come un integratore di tè verde), perché può  portare a una maggiore distruzione dei tessuti.

Viceversa in qualcuno con una condizione autoimmune dominante Th1, il tè verde sarebbe benefico perché inibisce il lato Th1 del sistema immunitario.

Un altro esempio comune che molte persone conoscono è l’echinacea delle erbe.

Quando le persone si ammalano di raffreddore o influenza, l’echinacea aiuta a potenziare le cellule T (risposta Th1) coinvolte con l’attacco iniziale di un invasore straniero.

Tuttavia, in una condizione autoimmune dominante Th1, l’echinacea probabilmente peggiorerà la condizione ed è quindi qualcosa da evitare.

Esempio  reale.
Avevamo un paziente che veniva nel nostro ufficio e riferiva che prendeva una capsula antiossidante una notte prima di andare a letto e sperimentava una serie di sintomi tra cui palpitazioni cardiache, ansia, “tremito interiore” e insonnia.

Il paziente era stato precedentemente diagnosticato con ipotiroidismo, una condizione bassa della tiroide caratterizzata da aumento di peso, affaticamento e sintomi simili alla depressione.

La causa numero uno dell’ipotiroidismo negli Stati Uniti è una condizione autoimmune chiamata sindrome di Hashimoto (o tiroidite di Hashimoto).

I sintomi del paziente dopo aver assunto l’antiossidante hanno indicato un aumento dell’attacco alla ghiandola tiroidea, che ha poi rilasciato un ormone tiroideo extra nel suo sistema causando sintomi classicamente ipertiroidici.

Quando guardavamo gli ingredienti nell’antiossidante, aveva senso.

Due degli ingredienti principali – estratto di tè verde e curcumina – hanno dimostrato di spingere il sistema immunitario verso un dominio Th2. Dati i sintomi che ha provato dopo aver assunto l’antiossidante, abbiamo concluso che soffriva di una condizione autoimmune di Hashimoto dominante in Th2.

Abbiamo ipotizzato che il tè verde e la curcumina stimolassero il suo sistema immunitario già sbilenco ad attaccare più aggressivamente la tiroide.

Conclusione
Non c’è cibo che sia buono per tutti.

Siamo tutti individui unici, con genetica diversa, diversi bisogni biochimici e diverse reazioni al cibo ingerito. In effetti, il cibo di adatto a una persona puo’essere veleno di un’altra persona.

Molti alimenti e integratori hanno una vasta gamma di benefici per la salute comprovati, ma non validi per tutti.

Se hai una condizione autoimmune, alcuni di questi composti possono migliorare o peggiorare molto a seconda della tua dominanza Th1 / Th2. Puoi parlare con il tuo medico della gestione di un pannello linfocitario per determinare quale dominanza hai e poi assumere i composti appropriati per spingere il tuo sistema immunitario nella direzione opposta.

Non farlo senza il consiglio di un medico qualificato! Spingere il tuo sistema nella direzione sbagliata può portare a un’ulteriore distruzione di qualunque tessuto (i) il tuo sistema immunitario potrebbe attaccare.

Il tè verde ha una comprovata esperienza di benefici per la persona media e, se non si dispone di una condizione autoimmune, potrebbe essere saggio includere il tè verde nella vostra dieta.

Tuttavia, se si dispone di una condizione autoimmune diagnosticata, in particolare un disturbo di dominanza Th2, il tè verde potrebbe non essere adatto a voi.

Ce’ una lista di base di condizioni autoimmuni comuni come una linea guida generale di seguito, si prega di essere consapevoli del fatto che questo non viene sempre mostrato nella pratica. Ho trovato questo insieme ad altri praticanti.

Quando eseguiamo pannelli linfocitari sulle persone, ne troviamo alcuni che differiscono dalla letteratura clinica che classifica le persone per lo stato di dominanza di Th. (In altre parole, la ricerca dice che dovrebbero essere una cosa, ma troviamo infatti che sono l’altra.)

 

Controllare sempre con un professionista qualificato.

 

Comuni disordini di dominanza Th1
Malattie autoimmuni organo-specifiche (Possibile beneficio dal tè verde)

Sclerosi multipla
IBD / morbo di Crohn
Diabete di tipo 1
Malattia di Hashimoto, malattia di Graves (tiroidite)
Psoriasi
Artrite reumatoide
Heliobacter pylori ha indotto ulcera peptica

Composti stimolanti Th1
Echinacea
astragalo
radice di liquirizia
beta-sitosterolo
ashwaganda
Panax ginseng
funghi (Maitake, Reishi, Shiitake)
clorella
estratto di semi d’uva

 

Comuni disordini di dominanza Th2
Malattie autoimmuni sistemiche (possibile danno dal tè verde)

allergie
Asma
Sinusite cronica
Molti cancri
Epatite B e C (misto Th1 e Th2)
Colite ulcerosa
Infezione virale
Lupus eritematoso sistemico
Infezioni da elminti

Composti stimolanti Th2
Tè verde
resveratrolo
Pycnogenol
curcumina
genisteina
quercetina

Mangia bene, muoviti e vivi … meglio.

 

REFERENZE

Kroemer, Guido, Hirsch, François, González-García, Ana and Martínez-A, Carlos. Differential Involvement of Thl and Th2 Cytokines in Autoimmune Diseases. Autoimmunity 24 no.1 (1996): 25-33.

Prete, Gianfranco Del. The Concept of Type-1 and Type-2 Helper T Cells and Their Cytokines in Humans. International Reviews of Immunology 16 no.3 (1998): 427-455.

Condividi!

Related Posts

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

    Cereali, semi, legumi e frutta secca contengono naturalmente”antinutrienti” ovvero sostanze che ostacolano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti per quasto  nocivi al nostro organismo se assunti in grandi quantità. Gli antinutrienti naturalmente presenti in diversi cibi vegetali sono: L’acido fitico Le lectine Le […]

Condividi!
JUN

JUN

Ringrazio per la raccolta accurata di materiale informativo l’amico  Flavio Milton d’Ambrosio. Parliamo oggi di Jun, una bevanda probiotica molto benefica perché oltre alle proprietà del te’sfrutta quelle notevoli del miele.   Il JUN sta diventando sempre più popolare nel mondo delle bevande fermentate. Questa […]

Condividi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top