di Mara Donchi

CURCUMA E ZENZERO: LE SPEZIE DELLA SALUTE

CURCUMA E ZENZERO: LE SPEZIE DELLA SALUTE

Nel sito trovate la ricetta personale della pasta di curcuma e zenzero da poter utilizzare in aggiunta di yogurt, vellutate, porridge, budini, latti vegetali, frullati e molte altre preparazioni.

Perche’ decidere di preparare la pasta alla curcuma e zenzero? Qui trovate 101 motivi validi.

Buona lettura d’approfondimento, per un’alimentazione consapevole.

 

 

L’articolo del dottor Alfredo Saggioro  in maniera molto dettagliata, chiara e rigorosa vi descrive le proprietà benefiche della Curcuma, le sue controindicazioni, come coltivarla e idee per cucinarla.

Curcuma: come questa spezia può migliorare potenzialmente la salute.

La curcuma ha una lunga storia di uso medico nella medicina ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese. L’evidenza ha collegato la curcuma alla guarigione di ferite, disturbi del fegato, malattie della pelle, distorsioni e gonfiori e problemi respiratori o gastrointestinali.

Ulteriori informazioni sulla curcuma per vedere come sia possibile utilizzare questi benefici e come questa spezia possa contribuire a migliorare la salute e il benessere.

La maggior parte delle persone ha familiarità con la curcuma (nome scientifico: Curcuma longa) come spezia gialla usata nella cucina indiana e ha un sapore piccante, caldo e amaro. Tradizionalmente chiamato “zafferano indiano”, la curcuma proviene da un rizoma con ruvida pelle marrone, carne arancione opaca e un odore terroso che si dice sia più piccante dello zenzero. Tuttavia, c’è di più in questa spezia vibrante di quanto sembri.

Nel corso degli anni, sono stati condotti studi approfonditi sui potenziali benefici per la salute della curcuma ei risultati sono stati costantemente positivi. Di conseguenza, la curcuma ricevette il suo soprannome ben meritato: la “Spice of Life”. 5 Ci sono molti modi in cui puoi incorporare questa spezia nella tua vita quotidiana. Scopri di più su curcuma e i suoi benefici e su come possono aiutarti a migliorare la tua salute e il tuo benessere.

Benefici per la salute della curcuma

I benefici per la salute offerti dalla curcuma possono essere attribuiti alla curcumina, un composto bioattivo ben studiato che può:

• Aiuta a mantenere un sistema digestivo sano facilitando una corretta digestione

• Modula alcuni dei tuoi geni

• Controllo positivo di vari percorsi fisiologici

• Rendi le tue membrane cellulari più ordinate

• Influiscono sulle molecole di segnalazione, poiché la curcumina può interagire direttamente con molecole infiammatorie, proteine ​​di sopravvivenza cellulare, DNA e RHA, proteine ​​di trasporto e ioni metallici 10

Come accennato in precedenza, la curcuma è conosciuta come “Spice of Life”, e la curcumina ha un ruolo da svolgere nel fare di questa spezia guadagnare questo moniker. La curcumina è stata dimostrata da studi per aiutare a combattere malattie come:

Morbo di Parkinson e di Alzheimer – La curcumina è un noto agente antiossidante, antinfiammatorio e neuroprotettivo e si dice promuova l’azione lipofila e migliora le funzioni cognitive, potenzialmente aiutando le persone con queste condizioni.

Osteoartrosi – Uno studio su animali del 2016 ha dimostrato che la curcumina può aiutare a rallentare il tasso di progressione dell’osteoartrite e ad affrontare il dolore correlato. Un altro studio dello stesso anno ha anche rivelato che la curcumina ha aiutato a migliorare la qualità della vita e ad affrontare il dolore e altri sintomi dell’osteoartrite, migliorando i percorsi fisiologici del corpo.

Cancro : sono stati condotti numerosi studi sulle potenziali capacità antitumorali della curcumina. Secondo il Dr. William LaValley , il cui lavoro clinico si concentra principalmente sul trattamento del cancro, la curcumina sembra essere utile per quasi ogni tipo di cancro, perché può influenzare più bersagli molecolari attraverso molti percorsi. La curcumina è anche non tossica e non si rivolge a cellule sane, ma indirizza selettivamente le cellule tumorali.

Le proprietà antibatteriche della curcumina sono anche straordinarie, in quanto possono essere efficaci contro la gastrite, l’ulcera peptica e il cancro gastrico, che sono tutti causati da batteri di Helicobacter pylori (H.pylori).

Ciò è stato dimostrato in uno studio del 2009, in cui la curcumina inibiva efficacemente la crescita di H. pylori in vitro nei topi, indipendentemente dalla composizione genetica dei ceppi batterici. H. pylori è un cancerogeno del gruppo 1 19 che colpisce più della metà della popolazione globale. Alcuni degli altri benefici per la salute legati alla curcumina includono:

Sostegno ai livelli di colesterolo sano
Migliorare la guarigione delle ferite
Prevenzione dell’ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità
Protezione contro la cataratta, danni al fegato, tossicità polmonare e fibrosi e danno indotto da radiazioni
Riduzione dei sintomi dell’artrite reumatoide e della sclerosi multipla
Abbassare il rischio di trombosi, infarto miocardico e possibilmente diabete di tipo 2

 

I molti usi della curcuma

La curcuma ha una lunga storia di uso medico per la medicina ayurvedica e la medicina tradizionale cinese (MTC). Le prove hanno dimostrato che la curcuma può aiutare ad alleviare ferite, distorsioni e gonfiori, disturbi del fegato, malattie della pelle e problemi respiratori o gastrointestinali. Oltre ad essere un ingrediente comune nei piatti indiani, la curcuma è usata per fare la senape. In realtà, il colore giallo distinto di questo condimento proviene da questa spezia.

La curcuma funziona anche come colorante per tessuti e altri articoli di abbigliamento. Si dice che i monaci indù e buddisti che viaggiarono in tutto il mondo usarono questa spezia per tingere le loro vesti. Durante i primi tempi, i bambini del Kerala, uno stato nel sud-ovest dell’India, ricevevano indumenti tinti con una mussola da indossare durante l’Onam Festival perché il colore delle spezie era associato a Lord Krishna, una figura di spicco dell’Induismo.

In una tradizionale cerimonia di matrimonio indù, lo sposo lega un filo di curcuma tinto in pasta chiamato sutra mangala attorno al collo della sposa, a significare che la donna è sposata e può gestire una famiglia. Oggi la maggior parte dei matrimoni indù continua questa tradizione, ed è considerata l’equivalente dello scambio di fedi nuziali. Anche le persone che vivono in alcune parti dell’India meridionale indossano ancora un pezzo del rizoma curcuma come un amuleto per proteggersi dagli spiriti maligni.

 

Coltivare curcuma a casa

Puoi coltivare la curcuma nel tuo orticello o in contenitori al coperto da rizomi o tagli di radici, ma non da semi. Per coltivare la curcuma, è necessario un terreno di alta qualità o materiale in crescita con elevate quantità di letame simile a materiale organico e un rizoma di curcuma.

La pianta beneficerà di fertilizzanti organici o compost di buona qualità, specialmente se somministrati durante la crescita di germogli di curcuma. Basta fare in modo che quando si applica il fertilizzante, non tocca direttamente la pianta. I nutrienti del fertilizzante dovrebbero raggiungere il suolo, ma senza toccare i gambi. Segui questo semplice metodo passo-passo se vuoi far crescere la curcuma.

Procedura:

1. Taglia i rizomi in sezioni più piccole con due o tre gemme ciascuna.

2. Riempire vasi o contenitori da 3 pollici con terriccio per vasi di buona qualità.

3. Posiziona il rizoma sul terreno e coprilo con altro terriccio.

4. Innaffia la pianta e metti i vasi o i contenitori in sacchetti di plastica trasparenti.

5. Spostare le pentole o contenitori in un luogo caldo di circa 86-95 gradi F. Prendere nota che le temperature più fredde possono causare la curcuma a crescere molto lentamente e possibilmente marcire.

6. Una volta piantato il rizoma di curcuma, evitare di annaffiare fino a quando non si notano germogli che emergono dal terreno.

I rizomi commestibili della curcuma richiedono circa 8-10 mesi per maturare. Una volta che i rizomi sono completamente cresciuti, puoi raccoglierli. Idealmente, le radici maturate dovrebbero essere raccolte tutte in una volta. Saprai che la curcuma è pronta per la raccolta se i fiori della pianta svaniscono e le foglie ingialliscono.

 

Cucinare con curcuma

Vuoi aggiungere la curcuma in alcuni dei tuoi piatti? Prendi la tua scelta dalla curcuma fresca o essiccata. Rizomi di curcuma freschi sembrano zenzeri. Kitchn nota che puoi trovare la radice di curcuma fresca nella sezione dei prodotti alimentari, nei negozi di salute e nei negozi di alimentari asiatici o indiani. Prendete le radici salde ed evitate i pezzi soffici, secchi o raggrinziti.

La curcuma fresca, a seconda della maturità o della tenerezza della radice, può essere sbucciata prima di tagliarla, tagliarla a cubetti, grattugiare o persino spremerla. Se non si utilizza immediatamente la curcuma, conservarli correttamente. Mettere la curcuma in un barattolo di vetro o un piatto di conservazione o altro contenitore ermetico per almeno una settimana, o congelare per diversi mesi.

La curcuma secca viene generalmente venduta macinata o intera, e viene preparata pelando, bollendo e asciugando i rizomi. Acquistali da negozi etnici e specializzati, che di solito hanno stock più freschi e un tempo di rotazione più veloce rispetto ai negozi di alimentari.

È possibile utilizzare la curcuma fresca o essiccata per strofinare o marinare, proprio come in questi spiedini di pollo Satay e ricette di cavolfiore alla curcuma . Puoi anche tritare la curcuma fresca e aggiungerla in un’insalata, simile a quello che ho fatto con la mia ricetta per il pranzo . La curcuma può essere anche trasformata in bevande salutari, come questo zenzero e latte di curcuma, che combina i sapori terrosi di queste erbe delle radici correlate:

Ricetta Ginger Turmeric Latte

Ingredienti:

• 1 cucchiaino di curcuma fresca, grattugiata o spezia curcuma secca

• 1 cucchiaino di zenzero grattugiato

• 1 cucchiaio di zucchero di cocco

• 2 cucchiaini di olio di cocco

• Pizzico di sale marino

• 1 tazza di latte di mandorle

Procedura:

1. Unisci la curcuma grattugiata e lo zenzero, lo zucchero di cocco, l’olio di cocco e il sale marino in un frullatore.

2. In una piccola casseruola, riscaldare il latte di mandorle a fuoco medio fino a quando non bolle.

3. Versare il latte caldo di mandorle nel frullatore e agitare fino a renderlo liscio e spumoso.

 

L’olio essenziale di curcuma

La ricerca ha dimostrato che l’olio essenziale di curcuma esibisce proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antimicotiche e antisettiche. Per ottenere questo olio, le radici della pianta di curcuma possono essere distillate a vapore o in polvere fino a quando il fluido non viene estratto dalla sostanza. Alcuni dei composti chimici presenti in questo olio includono:

Turmerone
Ar-turmerone
Turmerol
limonene
cineole
Curcumene
zingiberene
bisabolene
Beta-fellandrene
L’olio di curcuma può aiutare ad alleviare l’ artrite . Tuttavia, se prevedi di utilizzare questo olio essenziale per via topica, ti consiglio di eseguire un test cutaneo per verificare le reazioni allergiche e parlare con il tuo medico per stabilire se questo olio è adatto a te.

 

La curcuma può causare effetti collaterali?

Consumare quantità eccessive di curcuma può predisporti ad alcuni effetti collaterali. Ad esempio, la curcuma può causare nausea, mal di stomaco, vertigini o diarrea. Può anche interagire con:

• Farmaci anticoagulanti o antipiastrinici come il warfarin (Coumadin), il clopidogrel (Plavix) e l’aspirina e aumentano il rischio di sanguinamento

• Stomaci che riducono gli acidi, come cimetidina (Tagment), famotidina (Pepcid), ranitidina (Zantac), esomeprazolo (Nexium), omeprazolo e lansoprazolo (Prevacid) e portano ad un aumento della produzione di acido gastrico

I seguenti gruppi di persone devono evitare di assumere curcuma o prodotti correlati perché hanno un alto rischio di effetti collaterali:

Donne incinte e che allattano al seno – Elevate quantità di curcuma possono innescare un periodo o stimolare l’utero, con conseguenti rischi per la salute di una gravidanza. C’è anche pochissima ricerca sui possibili effetti della curcuma sulle donne che allattano al seno.
Le persone con problemi di cistifellea come calcoli biliari o ostruzione del dotto biliare – la curcuma può peggiorare queste condizioni.
Persone con problemi o disturbi di sanguinamento – La curcuma può rallentare la coagulazione del sangue e aumentare il rischio di lividi e sanguinamento.
Le persone con malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) – La curcuma può peggiorare i problemi di stomaco nei pazienti con GERD.
Pazienti diabetici – I livelli ridotti di zucchero nel sangue possono essere causati dalla curcumina abbondante in questa spezia.
Carenza di ferro – Consumare elevate quantità di curcuma può influire negativamente sull’assorbimento del ferro da parte del corpo.
Persone con condizioni ormono-sensibili come cancro al seno, uterino o ovarico, endometriosi o fibromi uterini – WebMD riporta che la curcumina nella curcuma potrebbe agire in modo simile all’ormone estrogeno ed esacerbare alcune condizioni ormono-sensibili.

Tuttavia, con alcuni tumori ormono-sensibili, ci sono studi che dimostrano che la curcuma può ridurre gli effetti dell’estrogeno in quelle cellule tumorali e può essere utile per le persone con diagnosi di carcinoma mammario sensibile agli ormoni. Err sul lato della cautela e ridurre il consumo di curcuma se ti è stata diagnosticata una condizione ormono-sensibile.
Gli uomini che consumano eccessivamente la curcuma possono essere inclini a ridurre i livelli di testosterone e ridurre il movimento degli spermatozoi. Se si pianifica di sottoporsi ad intervento chirurgico, ridurre o evitare il consumo di curcuma, poiché può rallentare il processo di coagulazione del sangue e innescare un sanguinamento eccessivo durante e dopo la procedura.
Ripreso e tradotto da Dr. Mercola.

 

Proprietà dello zenzero

Lo zenzero viene usato come antinfiammatorio naturale e digestivo ed è tra i più efficaci medicinali antinausea e antivertigine. Con lo zenzero si possono trattare disturbi come il mal d’auto, il mal di mare, la nausea mattutina.

Le sue proprietà antiemetiche sembrano risiedere in effetti locali sulle pareti dello stomaco e dell’intestino. I principi attivi della pianta si concentrano tutti nella sua radice: sostanze non volatili, come i gingeroli, resine e mucillagini.

Nella medicina tradizionale dell’Estremo Oriente, lo zenzero è impiegato nel trattamento dell’osteoartrite, dell’influenza, come stimolante del cuore, come protettivo della mucosa gastrica.

Grazie alle sue proprietà antibiotiche, lo zenzero è un valido alleato di stomaco, intestino, cuore e apparato circolatorio.

Anche l’olio essenziale di zenzero è ricco di importanti proprietà. Infatti è antinausea, tonificante, antidolorifico, digestivo, antivirale e afrodisiaco.

Lo zenzero è utile anche contro l’alitosi: può essere d’aiuto, infatti, sorseggiare acqua calda bollita per 10 minuti con zenzero fresco, un rimedio che favorisce la digestione e contrasta l’accumulo di tossine e la fermentazione batterica.

 

Controindicazioni dello zenzero

L’uso dello zenzero dovrebbe essere soggetto a consulto medico nei seguenti casi:

  • gravidanza e allattamento
  • se si assumono farmaci antinfiammatori
  • se si assumonofarmaci antiaggreganti e anticoagulanti (come la cardioaspirana) a causa dell’effetto fluidificante dello zenzero.

L’assunzione va completamente evitate in caso di allergia nota verso una o più componenti e le dosi limitate perché un eccesso di zenzero può provocare gastrite e ulcere.

REFERENTE: www.curenaturali.it

 

Riguardo allo zenzero voglio fare un ulteriore approfondimento copiando  e incollando un post dell’amico Dottore Alessandro Benvenuti che ben ci spiega come sia in grado di modulare il nostro microbiota intestinale.

“Studio USA rivela come gli RNA esosomiali dello zenzero modulano il microbiota intestinale
Studio USA rivela come gli RNA esosomiali dello zenzero modulano il microbiota intestinale:

• RNA derivati dallo zenzero modellano il microbiota
• Zenzero, espressione mRNA e proteine batteriche
• Inibizione colite

Stato dell’arte
La dieta può cambiare la composizione del nostro microbiota intestinale, ma il modo in cui specifici prodotti alimentari lo cambiano non è ancora chiaro.

Cosa aggiunge questa ricerca
Gli RNA associati alle nanoparticelle simili agli esosomi (ELNs) di piante come lo zenzero modulano la composizione del microbiota intestinale e migliorano i sintomi della colite nei topi.

Conclusioni
Lo studio evidenzia come gli ELNs derivati dal cibo regolano sia i microbi commensali sia le cellule ospiti, suggerendo che potrebbero essere usati per alleviare le malattie associate ad alterazioni del microbiota intestinale.

Le nanoparticelle simili agli esosomi (ELNs- Exosome-like nanoparticles) derivate da piante come lo zenzero contengono RNA che regolano la composizione del microbiota intestinale e inducono la produzione di citochine associate alla funzione di barriera intestinale, alleviando la colite nei topi. Questa è la conclusione di uno studio condotto da Yun Teng, Yi Ren e dai loro colleghi dell’Università di Louisville, nel Kentucky, Stati Uniti. I ricercatori hanno riportato i loro risultati sulla rivista Cell Host & Microbe.

La dieta può alterare la composizione del microbiota intestinale, causando una vasta gamma di effetti sulla fisiologia dell’ospite. Le piante commestibili, in particolare, sono la principale fonte di energia per i microbi intestinali, ma non è noto se questi prodotti alimentari influenzino l’espressione dei geni batterici intestinali.

Studi precedenti hanno dimostrato che gli ELNs possono prevenire i danni al fegato indotti dall’alcol e la colite nei modelli murini. Per questo motivo, i ricercatori hanno deciso di valutare se gli ELNs possano essere assorbiti dai batteri intestinali e influenzare la loro biologia.

Gli RNA ottenuti da ELNs derivati dallo zenzero modellano il microbiota intestinale

In primo luogo, il team ha caratterizzato gli ELNs derivati dallo zenzero (GELNs – ginger-derived ELNs) sulla base della distribuzione delle dimensioni, della microscopia elettronica e dell’elettroforesi su gel, che ha rivelato la presenza di considerevoli quantità di RNA di piccole dimensioni. I topi che hanno ricevuto i GELNs hanno mostrato un cambiamento nella composizione del loro microbiota intestinale. In particolare, la percentuale di Lactobacillaceae è aumentata da circa lo 0,25% a quasi il 25%. Gli RNA dei GELNs hanno indotto cambiamenti simili.

Per valutare se i batteri intestinali assorbono gli ELNs alimentari, i ricercatori hanno etichettato i GELNs con una proteina fluorescente e li hanno somministrati ai topi. L’imaging confocale e la fluorescena delle cellule attivate hanno mostrato che i GELNs sono stati assorbiti dai microbi intestinali, in particolare da Lactobacillaceae.

Le colture in vitro di Lactobacillus rhamnosus con i GELNs suggeriscono che i GELNs promuovono direttamente la crescita di L. rhamnosus.

I GELNs regolano l’espressione di mRNA e proteine batteriche

Per esplorare il meccanismo con cui i batteri assumono gli ELNs, i ricercatori hanno utilizzato la spettrometria di massa per esaminare i profili lipidici di ELN. I lipidi derivati dai GELNs sono stati arricchiti in acidi fosfatidici (PA), in particolare 1,2-dilinoleico-sn-glicerolo-3-fosfato e 1-palmitolo- 2-linoleico-sn-glicerolo-3-fosfato.

Gli esperimenti in cui ai topi sono stati somministrati i GELNs con o senza PA hanno dimostrato che questi lipidi contribuiscono all’assorbimento e all’accumulo degli ELNs nell’intestino.

Successivamente, i ricercatori hanno valutato se i GELNs influenzano anche l’espressione genica e la produzione di proteine in L. rhamnosus.

Il sequenziamento dell’RNA e le analisi proteomiche hanno dimostrato che 398 mRNA e 149 proteine sono aumentati e 249 mRNA e 133 proteine sono diminuiti in L. rhamnosus trattati con i GELNs.

In particolare, l’attività della proteina specifica del piloro SpaC era ridotta sia a livello di RNA che di proteina, impedendo la traslocazione di L. rhamnosus nelle cellule epiteliali intestinali. Il GELN-RNA ath-miR167a sembra regolare l’espressione di SpaC.

Gli RNA dei GELNs inducono l’espressione di IL-22 e inibiscono la colite nei topi

I topi trattati con gli RNA associati ai GELNs sono risultati più protetti contro la colite rispetto ai topi trattati con RNA “mischiato”, il che suggerisce che gli RNA associati ai GELNs hanno un effetto protettivo. Il trattamento con gli RNA associati ai GELNs hanno:

inibito la produzione delle citochine pro-infiammatorie IL-1β e TNF-α
innescato la produzione di IL-22 nel muco del colon
aumentato i livelli di indolo-3-carbossaldeide (I3A) e diminuito quelli di indolo-3 acetamide (I3AM) nelle feci dei topi
Il trattamento con gli RNA dei GELNs in topi privi di germi non ha indotto la produzione di IL-22, suggerendo che l’induzione di IL-22 dipenda dai batteri.

Ulteriori esperimenti hanno dimostrato che I3A induce l’espressione di IL-22, che è la chiave per la funzione di barriera intestinale.

In sintesi, i GELNs sono assorbiti dal microbiota intestinale attraverso i lipidi e cambiano la sua composizione. I GELNs arricchiti con PA sono preferenzialmente assorbiti da L. rhamnosus e regolano la sua crescita e l’espressione genica. Questi RNA modulano anche la fisiologia dell’ospite inducendo la produzione della citochina IL-22 e alleviando la colite nei topi.

Questi risultati suggeriscono un meccanismo attraverso il quale i GELNs vengono assorbiti da batteri intestinali, come L. rhamnosus, e fornisce una prima visione di come gli ELNs derivati dal cibo regolano sia i microbi intestinali sia le cellule ospiti. ( Giorgia Guglielmi)
Università di Louisville, Kentucky (studio originale)”

 

Vi ho convinti??? Credo proprio che ora sia il momento per preparare la vostra pasta alla curcuma. Serviranno solo 5 minuti del vostro tempo.

BUONA SALUTE!

❤️

 

Condividi!

Related Posts

PASTA ALLA CURCUMA E ALLO ZENZERO con kombucha, per GOLDEN MILK E GOLDEN KEFIR

PASTA ALLA CURCUMA E ALLO ZENZERO con kombucha, per GOLDEN MILK E GOLDEN KEFIR

    Molti di voi avranno sentito parlare del latte d’oro, una bevanda dalle notevoli  proprieta’. Alla base del golden milk , c’e’ una pasta che viene preparata con la curcuma dalle ben note proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e anti-cancerogene. Io ho voluto aggiungere, nella mia ricetta, […]

Condividi!
ANTINFLUENZALE con KOMBUCHA CURCUMA E ZENZERO .. secondo ME

ANTINFLUENZALE con KOMBUCHA CURCUMA E ZENZERO .. secondo ME

  Arriva l’inverno e per chi volesse rafforzare il proprio sistema immunitario senza ricorrere ad integratori e/o combattere mal di gola e tosse, consiglio di preparare molto semplicemente uno sciroppo. Vi spiego con pochi passaggi come questo sia possibile. Ringrazio per il contributo Vittoria Castelli, […]

Condividi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top