di Mara Donchi

IL TEMPEH ……. by Mariagrazia Bravin ❤️

IL TEMPEH ……. by Mariagrazia Bravin ❤️

 

Tempo di preparazione: 1 giorno per l’ammollo, 1 ora per la preparazione dei sacchetti, 30/38 ore per la fermentazione.

Difficolta: media

Oggi parliamo del tempeh, una preparazione molto diffusa anche in Occidente.

Ringrazio per il contributo gli amici Mariagrazia Bravin e Gaetano Caimano.

Il tempeh e’ originario dell’isola indonesiana di Giava e viene fatto originariamente a partire dalla soia. Risulta essere una ricca fonte di proteine, calcio, acidi grassi essenziali e vitamine del gruppo B.

Per chi, per problemi di salute o propria scelta, non potesse mangiare la soia, può tranquillamente sostituirla con i ceci o altri legumi ( fagioli neri, fave, lupini, fagioli rossi). Possono essere utilizzati anche cereali come orzo, riso e miglio. Possono essere aggiunti semi quali sesamo, lino e girasole.

Entriamo nel dettaglio della preparazione.

Per prima cosa dovete procurarvi lo starter: un gruppo eterogeneo di microrganismi inclusi funghi, lieviti, acido lattico batteri e diversi batteri gram- negativi. Il Rhizopus oligosporus e’ il fungo dominante, sebbene altre muffe come R.Oryzae e il Mucor contribuiscano al sapore, alla texture e al potenziale nutritivo.

 

PROCEDIMENTO

 

 

Ingredienti

✅300 grammi di soia decorticata o altro legume o cereale ( vedi descrizione)

✅2,5/ 3 grammi di starter in polvere

✅semi vari qb (facoltativo: io girasole e sesamo)

 

-Mettere i legumi in ammollo nell’acqua o Tibicos per almeno 24 ore.

 

– Procedere con la cottura al dente dei legumi ( circa 30 minuti dal bollore), SENZA aggiungere sale. Schiumare con l’apposito attrezzo. Aggiungere un cucchiaio di aceto di kombucha nell’acqua.

– Scolare con cura e mettere i legumi in pentola per asciugarli ulteriormente mettendo il fuoco al minimo.

 

 

– Stendere un telo in cotone e inserire all’interno i legumi per togliere l’umidita rimasta.

 

– Quando sara’ ben asciutto e tiepido ( 40 gradi) versare il legume in un recipiente capiente, aggiungere 2 cucchiai di aceto di mele non pastorizzato o kombucha aceto ( per garantire la non proliferazione di patogeni).

 

– Spolverare lo starter e mescolare con cura per 5 minuti ( questo passaggio e’fondamentale).

 

– Imbustare i legumi in un sacchetto gelo medio o 2 piccoli, pressando con cura. Compattare, chiudere a un’estremita con scotch e bucherellare la superficie con uno stuzzicadenti ( fare i buchi a distanza ravvicinata).

 

 

– Riporre i sacchetti in forno con luce accesa ( controllare la temperatura e se necessario aprire la portella), frigorifero da campeggio appoggiato vicino a una fonte di calore o incubatrice per mantenere una temperatura costante di circa 35 gradi. Ridurla a 30 a circa 12 ore, per garantire una perfetta fermentazione. Durante la fermentazione la temperatura naturalmente si alzerà  per questo noi dovremmo abbassarla.

 

– Dopo 30 ore, se si e’ formata molta umidità, aprire, togliere la plastica e proseguire la fermentazione per qualche ora. Aiuta molto, al fine di eliminare l’umidita in eccesso, appoggiare il panetto su una griglia e un foglio di carta assorbente resistente per l’ultima ora di fermentazione.

– Quando il tempeh’ sarà pronto, risulterà simile a una fetta di torta compatta e i legumi saranno saldamente uniti fra di loro da un micelio bianco. Il tempeh deve avere un piacevole odore di nocciola e fungo.

 

 

NOTE

📌Se si utilizzano legumi non decorticati, andranno privati della cuticola. Se si utilizzano legumi in abbinamento a cereali, questi ultimi andranno cotti separatamente e poi uniti al momento di inserire aceto e starter. Il rapporto tra legumi e cereali può essere 1:1 oppure 2:1.

📌Si possono aggiungere semi vari e anche farina di funghi essiccati.

📌Il tempeh può essere mangiato crudo in insalate o cotto in padella con riso o altri cereali, verdure o 🍄. Può essere marinato 24 ore in acqua dove avete precedentemente mescolato e sciolto un cucchiaino di miso. Può essere cucinato con la salsa di soia. Io amo farlo saltare al naturale in padella antiaderente fino a formare una leggera crosticina, lo accompagno poi a un mix di verdure come cicoria, spinaci, erba cipollina, batata, zenzero grattugiato passato in olio di cocco e NAMBUKA di rosmarino e aglio.

 

📌Conservare  in congelatore dopo averlo tagliato a fette dello spessore di circa due cm.  ( preferibile metterlo subito in congelatore ).

 

 

Buona salute!

 

 

Condividi!

Related Posts

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

AMMOLLO ENZIMATICO di cereali, legumi, frutta secca e semi ♡

    Cereali, semi, legumi e frutta secca contengono naturalmente”antinutrienti” ovvero sostanze che ostacolano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti per quasto  nocivi al nostro organismo se assunti in grandi quantità. Gli antinutrienti naturalmente presenti in diversi cibi vegetali sono: L’acido fitico Le lectine Le […]

Condividi!
SOIA?  SI GRAZIE, MA SOLO FERMENTATA!  By Francesco Iannibelli

SOIA? SI GRAZIE, MA SOLO FERMENTATA! By Francesco Iannibelli

  Nella nostra Società il consumo della soia è aumentato in maniera esponenziale, causando importanti problemi per la nostra salute. Al di là dell’etica che sta alla base della propria scelta alimentare, che condivido pienamente, forse, un pò di carne e un pò di pesce […]

Condividi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Top