PIZZA A MODO MIO integrale con kefir di mandorle e Tibicos ❤️🍕

PIZZA A MODO MIO integrale con kefir di mandorle e Tibicos ❤️🍕

 

 

Tempo di preparazione: 10/ 12 ore lievitazione, 30 minuti per preparazione e cottura con fornetto G3 Ferrari

Difficolta’: abbastanza semplice

Vi capita mai di avere una voglia pazza di 🍕 e non voler cedere alla tentazione di ordinarla in pizzeria?

A me succede spesso e ho trovato questa soluzione molto valida e sana che non richiede diversi giorni per la lievitazione ( se preferite e avete piu’tempo potete tranquillamente aumentare le ore di riposo del vostro impasto, inserendo il passaggio in frigorifero, rendendo ancora più digeribile il prodotto finale).

Importante e’ scegliere sempre farine di qualità senza conservanti ne’glifosati.

Un ringraziamento agli amici Andrea Gherpelli e Lux Vigoni per avermi donato  farine superlative.

 

PROCEDIMENTO

Ingredienti per due pizze al piatto rotonde

✅150 grammi farina Natura Maestra integrale

✅150 grammi farina tipo 2 della seeed

✅250 ml di probiotico di mandorle a temperatura ambiente (o in sostituzione kefir di latte o probiotico di soia )

✅50 ml di Tibicos a temperatura ambiente ( kefir di acqua )

✅20 grammi di farina di frutta fermentata ( facoltativa, regolatevi di conseguenza sulla quantità di liquidi da inserire nella ricetta)

✅1 cucchiaio di olio EVO

✅un cucchiaino di sale  grigio grezzo

 

 

Iniziare la preparazione alla mattina.

OPZIONE A

.In una ciotola abbastanza capiente mescolare energicamente tutti gli ingredienti tranne il sale e l’olio. Coprire la ciotola con pellicola e mettere in forno con luce accesa ( se la temperatura dell’ambiente non superasse i 22 gradi).

. Dopo circa 4 ore, l’impasto sarà raddoppiato. Aggiungere il sale e l’olio impastando per una decina di minuti. Eseguire pieghe all’impasto per rafforzare la maglia glutinica.

. Mettere a riposo seguendo la sequenza descritta sopra.

 

OPZIONE B

.Impastare tutti gli ingredienti sin dall’inizio e attendere che l’impasto raddoppi dopo circa 4/5 ore.

 

. Raddoppiato l’impasto procedere in entrambe i casi stagliando due panetti. Pirlare, chiudendo sotto, entrambe le palline.

. Ricoprire con panno umido e lasciar riposare per 2, 3 ore.

. Stendere entrambe gli impasti su carta forno o teglia a vostro piacere. Fare movimenti delicati con i polpastrelli senza schiacciare. Eseguire l’azione andando dall’interno all’esterno in maniera circolare disegnando i bordi.

I prossimi passaggi andranno adattati al gusto di ognuno. Io ho preparato una pizza bianca con verdure e capperi e una margherita vegan con verdure.

 

 

.Se scegliete la margherita, stendere  la passata di pomodoro 🍅 e aggiungere, prima della cottura, un filo d’olio a piacere e sale qb.

.Proseguire con la cottura scelta. Se utilizzate il classico forno vi consiglio di cuocere prima senza mozzarella in forno preriscaldato per 10 minuti a 200 gradi. Aggiungere gli altri condimenti in una seconda fase di cottura mettendo la pizza sul piano alto, funzione grill  per 5 minuti.

 

 

Se avete il fornetto G3 Ferrari seguire la cottura standard ( dai 3 ai 5 minuti in base alla potenza del vostro fornetto) indicata nel manuale in dotazione o nel sito della Confraternita della pizza.

.Aggiungere, a cottura ultimata, origano o basilico e peperoncino a piacere.

 

 

 

Buona salute…..We love pizza!

❤️

 

Condividi!

Related Posts

LIEVITANDO N.1 PANE E PIZZA  metodo FDV CON GRANI DI TIBICOS

LIEVITANDO N.1 PANE E PIZZA metodo FDV CON GRANI DI TIBICOS

      Se decidessimo di creare un prefermento con i grani di Tibicos da usare per i nostri impasti tipo pane e pizza? Creare un prefermento significa creare a tutti gli effetti una pasta madre giovane, non stabile ma comunque in grado di far […]

Condividi!
CREMA DI RISO INTEGRALE antinfiammatorio intestinale

CREMA DI RISO INTEGRALE antinfiammatorio intestinale

Tempo di preparazione: da 24 a 48 ore per l’ammollo 2 ore e mezza per la realizzazione 12 ore in frigorifero prima di consumarla Difficolta’: semplice     Questa ricetta e’ tanto semplice quanto preziosa e ringrazio l’amica Alessandra Rossi che ha postato nel gruppo il […]

Condividi!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Top